Commodities: The Last Week! Speciale WASDE

Asti, 13 settembre 2015

Nel tardo pomeriggio di ieri il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti ha diffuso il tanto atteso WASDE Report: vediamo come è variata la situazione fondamentale di Grains ed Oil Seeds.

Corn

Tra i dati diffusi stupiscono quelli relativi al Corn che mostrano l’arrivo del tanto atteso downgrade sulle rese, le cui proiezioni passano a 167.5 bushels per acro in ribasso di 1.3 bushels per acro rispetto alla rilevazione precedente.

Il dato sulle rese cogli e di sorpresa gli operatori, i quali si attendevano un downgrade meno marcato: a questo punto le carte in tavola potrebbero cambiare e lo dimostrano anche gli altri dati giunti a mercato, che evidenziano scorte USA e globali in calo ed anche in questo caso il ribasso batte nettamente le attese di mercato, così come la rilevazione relativa al raccolto, che mostra una rilevazione finale di 13.585 bln di bushels in contrazione di ben 101 milioni di bushels: il dato è decisamente positivo in quanto l’attesa era per un calo meno marcato di soli 14 milioni di bushels.

Nel video allegato a questo articolo potrete trovare l’analisi grafica del prodotto che – lo anticipo – si è finalmente deciso a mostrare i muscoli con una chiusura in territorio positivo connotata da un guadagno di oltre 3.4 punti percentuali che spinge i prezzi a quota 387 USd/bu.

Ad influenzare i prezzi sono stati anche i dati relativi alle scorte mondiali che mostrano anch’esse un calo molto maggiore delle attese di mercato (-5.4 milioni di tonnellate per un totale di 189.69 milioni di tonnellate, attesi – 3.75 milioni di tonnellate).

Il dato riflette le condizioni meteorologiche europee che hanno indotto una contrazione del raccolto pari 4.3 milioni di tonnellate, con riduzioni minori anche nelle Filippine, in Moldavia, Serbia e Thailandia che vanno ad aggiungersi alla contrazione degli States.

Per quanto concerne gli Stati Uniti le rilevazioni mostrano una riduzione delle scorte – come accennato in precedenza – che passano a 1.592 bln di bushels (-121 milioni di bushels contro un’attesa di -51 milioni di bushels) derivante da un aumento dei consumi interni ed in parte delle esportazioni.

Soybeans

I Soybeans non godono di dati positivi come quelli del Corn ed i prezzi dapprima subiscono gli effetti di un’ondata di vendite che li porta segnare i minimi in corrispondenza dei livelli più bassi da sei anni ad oggi per poi terminare gli scambi appena al di sopra della parità (vedi analisi video).

Nel complesso i dati hanno evidenziato un incremento della produzione e delle scorte che si è collocato nella parte superiore del range previsionale e questo grazie a rendimenti record localizzati nella Corn Belt occidentale tra cui Iowa, Minnesota e Nebraska.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...