Brasile: succo d’arancia con zucchero e… un caffè!

Asti 21 gennaio 2014

Facciamo il punto sulla situazione di alcune materie prime tipiche del Brasile, tra cui zucchero, caffè e succo d’arancia.

Orange Juice

Le agenzie diffondono un outlook rialzista sul succo d’arancia, con le scorte del Brasile (primo produttore) che sembrano destinate a subire un pesante calo del 38%, per un totale di 476600 tonnellate. Le previsioni formulate dagli analisti del gruppo industriale CitrusBR sono legate alla fioritura, la quale si è mostrata irregolare. Ulteriori fonti di sostegno ai prezzi arrivano dalla scelta di ridurre l’ area coltivata in favore di altre colture e dal livello di investimenti in pratiche agricole che va calando.

Sugar

Lo Sugar future continua a mostrarsi depresso, con i prezzi che si avvicinano a dei livelli di minimo triennale. La situazione produttiva mostra un incremento che potrebbe spingersi fino a 20 milioni di tonnellate nella prossima stagione, un valore questo che equivale a metà della crescita registrata nel 2013/2014. Ad impedire ulteriori e disastrosi affondi interviene l’ attività dei mulini, la cui tendenza attuale è quella di dirottare la canna da zucchero verso la produzione di etanolo.

Coffee

Nonostante il pesante calo di cui è stato oggetto, sembra che il futuro per il Coffee future sia tutt’ altro che roseo, con le previsioni del Centro di Studio Avanzato in Economia Applicata (Cepea) che lancia un alert agli investitori, mettendoli in guardia rispetto ad una produzione che continua a rivelarsi in aumento a causa del meteo favorevole.

Quadro tecnico

Orange Juice (contratto marzo 2014 143.7 USd/lb, +1.3% )

Il recupero dei prezzi scattato in occasione del doppio minimo di ottobre ha innescato un buon movimento rialzista che ha ritracciato fin sul 50% di tale salita per poi recuperare. I prezzi sono per ora al di sopra delle principali medie mobili di riferimento a 20,50,100 e 200 giorni e sembrano incanalati in un ampio channel rialzista. Primo supporto a 139.65 USd/lbe successivamente a 135.75 USd/lb; in senso opposto prima resistenza 144.55 USd/lb, livello che una volta superato consentirebbe di puntare ai massimi precedenti a quoat 152.4 USd/lb.

OJ 21 gen

Sugar (contratto marzo 2014 15.20 USd/lb, -0.13%)

Difficile per ora trovare un qualsiasi spunto ottimista sullo Sugar future, il quale rimane incanalato in un channel ribassista, con i prezzi che permangono al di sotto delle principali medie mobili di riferimento a 20,50 e 100 giorni insieme all’ indice di forza relativa a 14 giorni (RSI 14), che permane in stato di ipervenduto. Monitoriamo un eventuale fuoriuscita rialzista dal suddetto chennel tenendo presente che a questi livelli eventuali prese di beneficio da parte di investitori posizionati short potrebbero innescare movimenti improvvisi e violenti.

Sug 21 gen

Coffee (contratto marzo 2014 116.7 USd/lb, -0.38%)

Il rialzo che ha spinto i corsi sino all’ area 122.55 USd/lb pare perdere di forza, con i prezzi che si appoggiano oggi alla media mobile a 20 giorni e si dirigono verso la prima trendline rialzista; un ritorno dei prezzi al di sopra di area 118.2 USd/lb aprirebbe la strada al raggiungimento dei precedenti massimi a quota 122.55 USd/lb, in senso opposto supporti a 115.5 USd/lb e successivamente a 113.35 USd/lb.

cof 21 gen

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...