The weekly Gold! 4 gennaio 2014

Asti, 4 gennaio 2014

Il Gold future inizia l’ anno con un bel rialzo, sostenuto dalla domanda fisica asiatica in aumento.

Il Gold future archivia la prima ottava del 2014 in buon rialzo, terminando le contrattazioni a quota 1236.7 $/t.oz in rialzo dell’ 1.17%.

Nella passata edizione di “The weekly Gold!” avevamo accennato alla possibilità di un rimbalzo scatenato dalla combinazione di bassi prezzi ed eventuale aumento della domanda, questo è quello che è accaduto in queste sedute, ossia la domanda di oro fisico ha finalmente fatto la sua comparsa sul mercato.

Nel dettaglio le news in arrivo da oltreoceano parlano di un consumo cinese di gioielli, lingotti e monete aumentato di ben il 30% per un totale di 996.3 tonnellate e non meno rilevante si mostra il dato in arrivo dall’ India, che vede l’ utilizzo di oro aumentare del 24% a 977.6 tonnellate (dati relativi ad un lasso temporale di 12 mesi aggiornati al 30 settembre e divulgati dal World Gold Council). La notizia è subito commentata dagli analisti e non tarda ad arrivare il commento di Miguel Perez-Santalla (vice presidente di BullionVault presso la sede di New York) il quale in un’ intervista a Bloomberg dichiara: “Molti investitori stanno considerando l’ opportunità di comprare sulla debolezza e stiamo assistendo all’ incremento di posizioni”; ma come si stanno comportando realmente gli investitori, la tendenza degli Hedge Funds, ad esempio, è variata? Cerchiamo di approfondire!

Hedge Funds

In attesa di aggiornamenti relativi a quest’ ultimo periodo osservando le posizioni nette long di opzioni e futures (aggiornamento al 24 dicembre) possiamo notare che l’ ottimismo non fa ancora la parte del leone, con gli Hedge Funds che non vogliono saperne di esporsi sul metallo giallo e limano ancora la loro esposizione; nel dettaglio le posizioni nette long sono stornate del 12% (dati aggiornati al 24 dicembre relativi a futures ed opzioni, fonte Bloomberg). In effetti, possiamo dire che nel 2013 gli investitori hanno evitato l’ oro, arrestando così la pluriennale cavalcata rialzista del Gold e probabilmente il motivo risiede nelle brillanti performances messe a segno dai mercati azionari che rendono meno interessanti gli investimenti in oro.

Il deflusso di oro, se quantificato, si mostra veramente imponente, con i dati che mostrano le partecipazioni nei 14 più grandi ETP in calo del 33%, fatto, questo, che ha contribuito a “bruciare” ben 73.4 miliardi di dollari di valore degli assets.

Quadro tecnico

Rimbalzo o qualcosa di più? A mio personalissimo avviso è presto (molto presto…) per cantare vittoria, poiché il quadro tecnico del Gold future si mostra ancora depresso e per ora si rimane ancora nell’ ambito di un rimbalzo tecnico favorito dal raggiungimento di livelli chiave di prezzo. Per meglio comprendere osserviamo i grafici!

Contratto continuous

Il rimbalzo originato dalla realizzazione di un doppio minimo con il bottom di giugno (linea tratteggiata arancione) si è per ora arrestato in corrispondenza di importanti livelli tecnici come la media mobile a 50gg, che frena il recupero dei prezzi e l’ estensione al 161.8% del segnale short del 15 aprile; l’ analisi di questo grafico ci consente di collocare la prima resistenza a quota 1236.36 $/t.oz (estensione al 161.8% del segnale short dominante) e la seconda in corrispondenza della media mobile a 50 giorni (media rossa nel grafico).

Gold cont daily

Rimaniamo ancora sul contratto continuous e poniamoci una domanda (forse sarebbe più giusto dire LA domanda…): abbiamo raggiunto un bottom o possiamo andare ancora più giù? La mia risposta a questo quesito è che sicuramente il doppio minimo segnato è un importante livello chiave, ma osservando il grafico con timeframe mensile possiamo osservare che i prezzi sono attualmente compresi tra il ritracciamento al 50% ed il ritracciamento al 61.8% della salita iniziata ad ottobre 2008 e culminata nei massimi di settembre 2011, rispettivamente 1300.17 $/t.oz e 1154.09 $/t.oz, quindi un mancato superamento di quota 1300.17 $/t.oz ci mantiene in un’ area rischiosa, dove un ritorno delle vendite potrebbe affossare i corsi sino a quota 1154.09 $/t.oz.

Gold Cont Mens

Contratto febbraio 2014 (GCG 2014)

Anche nel caso del contratto febbraio 2014 il doppio minimo con il bottom di giugno è stato preciso ed i prezzi hanno reagito bene, attenzione ad eventuali cedimenti di quota 1188 $/t.oz (in caso di nuovi ribassi) mentre, in senso opposto, prima resistenza a quota 1281.9 $/t.oz con step intermedi a quota 1247.6 $/t.oz ed in contatto con la media mobile a 50gg.

Gold barometro feb inter Gold barometro SeR

Annunci

10 risposte a “The weekly Gold! 4 gennaio 2014

  1. Considerati i prezzi in Euro, il 31/12 e’ stato toccato un nuovo minimo rispetto al minimo di giugno (circa € 1,60 in meno al gr.) che coincideva con il minimo in $, e sembrerebbe giunto a termine il ciclo a 15 mesi a forte ribasso, con tre Max. e quattro Min. realizzati. Puo’ significare qualcosa?
    Cordiali saluti
    Alfredo

    • Buongiorno Alfredo,

      in riferimento al suo commento devo per correttezza dire che personalmente ritengo che il Gold si trovi ancora in trend negativo, poichè, ad oggi, segnali che suggeriscano un’ eventuale inversione di tendenza a mio avviso non se ne vedono.

      Sempre a mio parere il recupero a cui abbiamo assistito è stato determinato da alcuni fattori tra cui il raggiungimento di area 1180 (che sicuramente aveva tra gli investitori una forte valenza psicologica in quanto ha consentito il realizzarsi del doppio minimo) ed ancora l’ aumento di richiesta di oro fisico. A proposito di quest’ ultimo fattore abbiamo due possibilità: la prima è che chi acquista faccia le dovute scorte approfittando dei bassi prezzi attuali ed in questo caso esaurita la domanda asiatica il Gold ritornerebbe a calare oppure si sblocca la situazione in India: come scritto precedentemente gli acquisti indiani sono molto diminuiti per via dei dazi imposti dallo stato, ma pare che le autorità stiano pensando ad una riduzione di tali tasse, come successo per quanto riguarda il dorè e se questo avvenisse e si presentassero sul mercato acquisti in aumento allora il recupero potrebbe essere di maggiore entità.

      Ultimo fatto che può aver contribuito al recupero è la forte presenza di posizioni short che, in area di doppio minimo, possono essere state ricoperte dagli investitori, per saperlo dovremo attendere l’ aggiornamento del COT Report, di cui le manderò copia appena sarà reso pubblico.

      Attualmente consiglio di monitorare il contratto continuous, che ci da un riferimento temporale più esteso e come detto su questo grafico possiamo osservare che l’ area principale di supporto è collocata a quota 1154.09 $/t.oz e ritengo che un cedimento al d sotto di tale valore implicherebbe conseguenze pesanti per l’ oro, la situazione potrebbe mutare se ci portassimo al di sopra di quota 1300.1 $/t.oz, dove corre la prima resistenza, allora potremmo assistere a recuperi più importanti.

      Per quanto concerne la sua domanda di analisi ciclica le suggerisco di contattare lo staff di ASC Trading che ha fornito l’ ultima analisi ciclica che può trovare sul sito al seguente link:

      https://goldandother.wordpress.com/category/asc-trading/

      Può contattare l’ autore dell’ analisi alla mail: asc.gann@gmail.com

      Come ulteriore parametro le consiglio di osservare l’ andamento del COT, di cui può trovare una chiara rappresentazione grafica al seguente link:

      http://www.timingcharts.com

      Ricordo che i livelli indicati rappresentano una mia personalissima visione dell’ andamento dell’ oro e che non intendono essere un invito all’ investimento.

      Spero di esserle stato utile e rimango disponibile per ulteriori chiarimenti

  2. vedremo i prossimi giorni se arriverà almeno a 1250

    • Buongiorno Cristian,

      Anche in questo caso valgono le considerazioni di prezzo fatte in risposta al sig. Alfredo nel precedente commento ossia l’ analisi del contratto continuous ci mostra il principale livello di supporto più in basso dei minimi segnati, ossia a quota 1154.09 $/t.oz e la prima resistenza veramente forte poco sopra i 1300 $/t.oz. A mio avviso i livelli da considerare sono questi, i valori intermedi ci possono dare un riferimento utile per capire l’ entità e la forza di questo recupero, sempre in considerazione dei fattori esterni tra cui appunto la domanda fisica, la politica economica e l’ andamento dei mercati azionari.

      Ricordo che i livelli indicati rappresentano una mia personalissima visione dell’ andamento dell’ oro e che non intendono essere un invito all’ investimento.

      Rimango a disposizione per ulteriori chiarimenti

  3. la resistenza di lungo periodo dei 1251,7 è fondamentale… la sua rottura potrebbe innescare un rialzo in zoma 1304…

  4. si.. ovviamente.. condividi tutto quello che ti piace

    ciao
    XiniaN

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...