Soybeans: la domanda sostiene i prezzi

Asti, 4 dicembre 2013

La richiesta di soia aumenta e sostiene i prezzi, che recuperano parzialmente le perdite dei giorni scorsi

La domanda di soia durante questa stagione si è rivelata più forte del previsto, anche in seguito alla ricostruzione delle scorte in Cina, con le esportazioni globali del trimestre settembre – novembre che raggiungono il livello probabilmente più alto di sempre.

L’ export mondiale del suddetto trimestre ammonta a circa 28.4 milioni di tonnellate, in deciso aumento rispetto alle 23.9 milioni di tonnellate dell’ anno passato.

Parlando di importazioni, la Cina riveste senza dubbio un ruolo chiave, con un import che sale al 64% dal 61% dell’ anno passato; le importazioni dagli USA sono state intensificate dopo l’ incidente dell’ anno passato al porto brasiliano che causò un ritardo nell’ export.

Arrivando ai numeri le importazioni della Cina sono stimate a 69.7 milioni di tonnellate; l’ export di soia dagli Stati Uniti nell’ ultimo trimestre è stato di 18.3 milioni di tonnellate, di cui 13.2 milioni destinate alla Cina. L’ export a stelle e strisce si presenta in aumento rispetto all’ anno passato, quando i dati fornirono una rilevazione finale di 16.8 milioni di tonnellate (11.5 milioni di queste dirette in Cina).

In aumento anche i dati mondiali, con un aumento previsto di 11 milioni di tonnellate per un totale di 108.6 milioni di tonnellate.

Brasile

Per quanto concerne le esportazioni il Brasile si conferma ancora una volta in testa alla classifica, con un totale di circa 45 milioni di tonnellate, seguito dagli USA (40 milioni di tonnellate) e dall’ Argentina (9.3 milioni di tonnellate).

In questo contesto aumenta la preoccupazione degli agricoltori brasiliani per l’infestazione di earworm (bruchi) che ha colpito il mais dapprima nella zona di Bahia e poi diffusasi ad un ritmo elevato anche in Mato Grosso e nella maggior parte degli altri stati; visto il potere distruttivo di questi insetti si teme un’ allargarsi dell’ infestazione alla soia, dove causerebbe danni più che considerevoli.

Posizione tecnica (contratto gennaio 2014)

I prezzi si mantengono a di sopra delle medie mobili di riferimento a 50, 100 e 200 giorni; confermata per ora la tenuta del supporto a quota 1315.4 USd/bu.

La resistenza a 1350 USd/bu si pone come primo ostacolo ad una continuazione dei rialzi mentre, in senso opposto, l’ eventuale cedimento di 1315.4 USd/bu proietterebbe i corsi verso il supporto successivo a quota 1287.4 USd/bu.

Soybeans 4 dicembre SeR

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...