Corn: agricoltori soddisfatti….prezzi disfatti! 28 Ottobre 2013

Asti, 29 ottobre 2013

Il raccolto del mais continua ad essere stimato in rialzo: i coltivatori si dicono soddisfatti, i prezzi un po’ meno….

Il prezzo del mais, che chiude oggi gli scambi a quota 430.6 USd/bu (-2.1%),  si trova al punto più basso da tre anni a questa parte, spinto in discesa dalle prospettive di un raccolto che si preannuncia non solo buono, ma il più grande al livello globale.

Attualmente gli agricoltori, che si dicono estremamente soddisfatti, hanno completato il 50% del raccolto e la resa è stimata in aumento del 28% rispetto alla passata stagione, quando una forte siccità causò danni a tutti i campi del Midwest (dati forniti dal Dipartimento dell’ agricoltura USA e Prime Agricultural Consultants Inc.).

I dati

La caduta del mais sembra senza sosta e dall’ inizio dell’ anno è capitolato del 38%, uno dei maggiori cali tra le 24 materie prime che compongono lo   Standard & Poor’s GSCI Spot Index; il ritmo di raccolta degli Stati Uniti è aumentato negli ultimi tre giorni, ma le piogge previste per i prossimi giorni potrebbero rallentare il lavoro nei campi (Chad Henderson, presidente di Prime Agricultural Consultants).

Attualmente le riserve degli USA sono stimate a 1.837 miliardi di bushels in aumento rispetto alla stima del Dipartimento dell’ Agricoltura che prevedeva riserve per 1.837 miliardi di bushels (report U.S.D.A. del 12 settembre).

Posizione tecnica

Il quadro tecnico del Corn future (contratto in scadenza a dicembre) non invita certo all’ ottimismo, con i prezzi che si mantengono al di sotto delle medie mobili di riferimento a 50, 100 e 200 giorni, con l’ indice di forza relativa a 14 giorni (RSI 14) piega con forza verso l’ area di ipervenduto.

Corn 28 ottobre sma

I corsi perforano a ribasso l’ obiettivo della bear flag individuata in passato (livello questo che dal primo ottobre si era proposto come un buon supporto) e sembrano dirigersi verso il target dell’ impulso short del 28 giugno a quota 409.6 USd/bu.

In base a quanto esposto collochiamo il target di questa discesa a quota 409.6 USd/bu (estensione al 423.6% del segnale short del 28 giugno) mentre, in senso opposto, la prima resistenza di rilievo sarà collocata a quota 459.6 USd/bu in corrispondenza dell’ estensione al 261.8% del segnale short in esame.

Corn 28 ottobre fibo

La situazione invita chiaramente alla prudenza e quest’ ultima affermazione diventa ancora più evidente dall’ osservazione del grafico mensile, dove si nota la forte direzione ribassista intrapresa dal Corn future; si noti anche come il raggiungimento dell’ obiettivo a quota 409.6 USd/bu porterebbe i corsi in prossimità di quota 397.4 USd/bu, livello dal quale un recupero sarebbe più che plausibile, poiché si formerebbe un interessante doppio minimo con quello del mese di giugno 2010.

Corn 28 ottobre mensile

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...