Disclaimer

 

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso Goldandother è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Continua a leggere

Geopolitica: in Medio Oriente gli Equilibri stanno cambiando

Asti, 31 dicembre 2016

L’Oman ha dichiarato che si unirà in un’alleanza militare a guida saudita: questo è un chiaro segnale del mutare degli equilibri geopolitici della regione, in quanto l’Oman – il più stretto alleato di Teheran – si dichiara palesemente intenzionato a migliorare i suoi rapporti con il Regno.

iran

Il ministro della difesa dell’Oman ha inviato una comunicazione al principe ereditario Mohammed bin Salman, il cui contenuto annuncia la volontà di aderire alla Islamic Military Alliance Against Terrorism.

Continua a leggere

Corn: all’Inferno e Ritorno

Asti, 14 agosto 2016

Il Corn Future sprofonda ai minimi degli ultimi sette anni prima di mettere a segno un recupero che lo riporta in territorio positivo.

La causa di tutto questo? Semplice: un WASDE Report che secondo alcuni analisti è uno dei peggiori mai pubblicati nel mese di agosto!

Guarda le tabelle che seguono per scoprire i dati pubblicati dall’USDA e poi clicca sul Link per una revisione completa del report più importante per le materie prime agricole!

Clicca qui per leggere l’articolo completo!

 

Stati Uniti: la Recessione di Jim

Asti, 6 marzo 2016

Jim Rogers – presidente di Rogers Holdings – è sicuro che nell’arco di 12 mesi gli Stati Uniti entreranno in Recessione: questo è quanto dichiarato da Rogers in un’intervista rilasciata a Guy Johnson diffusa da Bloomberg Tv.

“Sono passati quanti sette anni? Otto anni dall’ultima Recessione? Storicamente abbiamo uno stato di Recessione entro i quattro – sette anni per una qualsiasi ragione, non dico che debba per forza accadere in sette anni, ma guardate il debito: è sconcertante!”.

La proiezione di Rogers lascia basiti in quanto si presenta in netto disaccordo con quella dei maggiori analisti di Wall Street, che parlano di una probabilità di Recessione pari al 33%.

Rogers, dal canto suo, non è stato preciso nel fornire indicazioni relative ad un possibile fattore scatenante, ma ha affermato che un eccessivo rallentare delle economie in Cina, Giappone ed Eurozona potrebbero essere dei significativi canali di contagio.

L’ex socio di George Soros ha suggerito che se gli investitori osservano i dati macro in modo corretto si possono già da ora notare segnali ben precisi di un vacillare dell’economia a stelle e strisce.

“Non prestate attenzione ai dati diffusi dal governo, ma guardate con attenzione i numeri reali”.

La posizione di Rogers sul Dollaro USA è nettamente Long ed a questo proposito dichiara:

“Potremmo avere una bolla sul Dollaro, mi spiego: se lo scenario recessivo USA si verifica accompagnato da un pesante rallentamento delle economie globali, allora gli investitori metterebbero i loro soldi nel Dollaro e così si genererebbe una bolla”

Petrolio ed Oro

Maggiori informazioni al link che segue

 

PETROLIO, RIYADH: UN NEMICO DA UN MILIARDO DI BARILI